Colosso dell appennino Villa Demidoff

Il Colosso dell’Appennino a Villa Demidoff

La Villa Demidoff si trova in località Pratolino, a Vaglia, in provincia di Firenze. La villa Demidoff è quello che resta della villa Medicea di Pratolino, demolita nel 1822 e successivamente acquistata dalla famiglia russa di cui porta il nome. I Demidoff ampliarono e ristrutturarono villa e parco con ingenti lavori di restauro seppur spogliato nei secoli di molte opere artistiche. Risulta essere uno dei parchi più vasti della Toscana. Ora la Villa e parco sono ad uso pubblico di proprietà dell’amministrazione provinciale di Firenze.

Il Colosso dell'appennino a villa Demidoff

Tra le opere rimaste, il parco ne conserva sicuramente di molto interessanti. Tra queste troviamo il Colosso dell’Appennino di Giambologna. Il colosso, detto anche Gigante dell’appennino, è una scultura enorme, metà statua e metà montagna. Costruito su un complesso roccioso sembra stare a protezione dello stagno come un antico guardiano, la mano poggia sopra un serpente da cui esce l’acqua.
Grotte Demidoff ColossoNella parte inferiore della statua si trova una grotta. Al suo interno inoltre si trovano diversi vani e stanze, alcune chiuse nel tempo. Tramite una scala sul retro è possibile visitare le grotte, visitando di fatto l’interno del gigante.

Alcune tra le altre opere del parco: la Fonte di Giove, la cui copia fu collocata dai Demidoff alla fine dell’Ottocento; la cappella progettata dal Buontalenti, in prossimità della quale è sepolta l’ultima principessa Demidoff; la Fonte del Mugnone, la cui statua fu scolpita dal Giambologna (1577); la Peschiera della Maschera, adibita anche a piscina e attrezzata per bagni caldi; la Grande Voliera; la Fagianeria; la Grotta di Cupido, costruita dal Buontalenti nel 1577; il Casino neoclassico di Montili, realizzato intorno al 1820 dall’architetto Luigi de Cambray-Digny.

Inoltre in tutto il parco sono presenti alberi secolari, tra cui querce, farnie, cedri e ippocastani, che rendono l’atmosfera ancora più suggestiva e misteriosa. Dal 2013 il parco è riconosciuto come Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco.

Libro per saperne di più: Parco Mediceo di Pratolino. Villa Demidoff. Una storia per immagini

 

Fonte: Beni Culturali

 

Comments are closed.